Nel territorio canadese dello Yukon, aurora boreale e divertimento invernale

I capelli congelati sono una seccatura nella maggior parte dei posti, ma al Eclipse Nordic Hot Springs a Whitehorse, nello Yukon, è una vocazione più alta. Ogni inverno centinaia di persone ci provano congelare i loro capelli in una cuffia da troll per avere la possibilità di vincere premi in denaro di 2.000 dollari canadesi, o quasi $ 1.500.

E nel caso in cui questo non ti faccia venire la pelle d’oca, Andrew Umbrich, 36 anni, proprietario e direttore generale delle sorgenti termali, ha aperto un’area designata per rotolare la neve per consentire ai bagnanti di rinfrescarsi senza sbattere contro le rocce che circondano la piscina. “Devo dare loro un posto sicuro dove rotolarsi perché si uccideranno su questi massi”, ha detto il signor Umbrich.

Questo è il tipo di considerazioni sulla sicurezza che tendono a sorgere in luoghi aspri come lo Yukon, un cuneo di circa 186.000 miglia quadrate del Canada nordoccidentale che si estende dalla Columbia Britannica attraverso il Circolo Polare Artico fino al Mare di Beaufort. Le sue lunghe notti invernali e la posizione boreale ne fanno una destinazione privilegiata per osservare l’aurora boreale e il campo magnetico del sole avvicinandosi al culmine del suo ciclo di 11 anniinviando più particelle cariche nell’atmosfera superiore della Terra, il 2024 potrebbe portare i migliori spettacoli degli ultimi anni (uno dei motivi per cui Whitehorse è finito nell’elenco dei 52 posti da visitare del New York Times di quest’anno).

Quelle lunghe notti subartiche forniscono anche molta energia repressa, che gli abitanti dello Yukon scaricano proprio quando il sole inizia a risorgere a febbraio, con il gioioso – e decisamente insolito – Appuntamento con lo Yukon, un festival a Whitehorse che celebra quest’anno il suo 60° anniversario dal 24 febbraio. Dalle 9 al 25 con eventi come il lancio di motoseghe e l’imballaggio della farina, per non parlare del congelamento dei capelli.

Destination Canada, l’ente nazionale del turismo, ha promosso sempre più festival come Yukon Rendezvous insieme ad altre esperienze invernali. Mentre la maggior parte dei viaggiatori visita lo Yukon nei mesi estivi, le visite invernali erano in aumento prima del 2019. Dopo aver subito un duro colpo durante la pandemia, il numero di visite internazionali si è ripreso, ma lo scorso inverno è rimasto del 21% inferiore ai livelli del 2019-20.

Nel 1988, Luann Baker-Johnson, 64 anni, di Whitehorse, trasportò 494 libbre di farina per 30 piedi per piazzarsi secondo nella gara di confezionamento della farina di Rendezvous, una sfida estenuante che affonda le sue radici nella corsa all’oro del Klondike della fine degli anni ’90 del XIX secolo.

La signora Baker-Johnson, soffiatrice di vetro e proprietaria di Lumel Studios, ora crea alcuni dei premi, tra cui un’ascia di vetro lunga quasi un metro, per le competizioni del festival. La figlia della signora Baker-Johnson, Shanta Ferguson, 31 anni, campionessa del Rendezvous, ha lanciato una motosega da 32 piedi, vincendo la competizione femminile del 2019, un evento il cui fascino sarà evidente per chiunque abbia mai lottato per avviare una motosega a temperature gelide .

La signora Ferguson e suo marito, John Ferguson, 32 anni, gestivano il Riunisci Café e Taphouse accanto allo studio di soffiatura del vetro. Il menu presenta ingredienti freschi locali: un’impresa logistica non da poco nel remoto e ghiacciato Nord, dove i prodotti importati possono sembrare un po’ malandati. I tacos di salmerino alpino vengono serviti con verdure coltivate idroponicamente nei vicini container. “La gente è sorpresa dalla qualità e dal calibro dei ristoranti quassù”, ha detto la signora Ferguson.

Con migliaia di persone che dovrebbero convergere a Whitehorse per il Rendezvous nelle prossime settimane, i residenti locali si stanno preparando. “Ciò che mi piace di Rendezvous è che tutti hanno l’opportunità di partecipare. Possono lanciare tronchi, lanciare un’ascia, lanciare una motosega e non importa se vinci una competizione o meno, è così strano e divertente”, ha detto la signora Baker-Johnson.

L’ufficio del turismo del governo territoriale fornisce 100.000 dollari di finanziamento operativo al festival e lo promuove sul Viaggia nello Yukon sito web e social media, offrendo anche consigli sul codice di abbigliamento di Rendezvous: tipicamente bretelle, piume e altri abiti del 1890, insieme a molti vestiti caldi.

Quest’ultimo è un saggio consiglio, come Stephanie Hammond, 49 anni, ha scoperto nel 2011, poco dopo essersi trasferita a Whitehorse, quando si è unita al carro del gruppo locale di roller derby nella parata Rendezvous. Quando la temperatura scese a meno 35 Fahrenheit, pensò che la parata sarebbe stata cancellata – non lo era – e rimase sorpresa quando la sua squadra si ammucchiò sul retro di un camioncino con costumi da roller derby, calze a rete e tutto il resto.

Le slitte trainate da cani attraversano l’estremo nord da molto prima dei giorni di “Zanna Bianca”. Ma con il cambiamento climatico che rende il manto nevoso inaffidabile, le gare di slitte trainate da cani hanno incontrato alcune difficoltà. Nel 2016, un inverno mite ad Anchorage ha costretto gli organizzatori dell’Iditarod, la corsa di cani da slitta più famosa al mondo, a fare affidamento sulla neve portata dal treno. L’anno prima, il Babe Southwick Memorial, una corsa di cani da slitta originariamente tenutasi sul fiume Yukon durante il Rendezvous, era stato trasferito perché il ghiaccio era diventato pericoloso. Rendezvous non organizza più gare di slitte trainate da cani (the FirstMate Babe Southwick Memorial Race continua sotto diversi organizzatori), ma c’è ancora molta azione al Yukon Quest, una corsa di cani da slitta di circa quattro giorni da Whitehorse che raggiunge Dawson City, circa sei ore in auto a nord-ovest, intorno a febbraio 2019. 7.

Dawson City, una delle principali destinazioni per i cacciatori di fortuna nel 1890 (tra cui Jack London, l’autore di “Zanna Bianca”), attira ancora oggi i viaggiatori. La città di circa 2.400 abitanti ospita la prima sala da gioco del Canada, musei e altri edifici colorati, molti dei quali si inclinano minacciosamente mentre il permafrost si scioglie sotto le fondamenta. Il riscaldamento del permafrost è a problema diffuso nello Yukon, provocando frane e destabilizzando il suolo. I residenti di Dawson City devono occasionalmente sollevare gli edifici per mantenerli a livello.

Dawson City ospita il Carnevale primaverile di Thaw di Gras (dal 15 al 17 marzo), un evento simile a un Rendezvous in cui puoi tifare per le squadre di slitte trainate da cani, lanciare un’ascia o guardare gli adulti correre sui tricicli. La città sfida anche chi ha lo stomaco di ferro ad assaggiare una tradizione locale, il Cocktail Sourtoe, al Sourdough Saloon a tema corsa all’oro. Dopo aver prestato il “giuramento di Sourtoe”, gli iniziati bevono un bicchierino di whisky (“La maggior parte dei membri del club preferisce Yukon Jack”, consiglia il saloon) guarnito con un dito umano conservato. Non conta se le tue labbra non toccano la punta. Nel corso degli anni il club ha acquisito 25 dita dei piedi (tutte donate).

Una volta iniziato, potresti voler schiarirti il ​​palato Bon Ton & Company (prenotazione consigliata), un punto di riferimento culinario dello Yukon famoso per i suoi salumi fatti in casa. Dopo cena, ascolta musica dal vivo quasi tutti i fine settimana in fondo all’isolato Westminster Hotel, che la gente del posto chiama affettuosamente la Fossa. Se sei in città tra il 28 e il 31 marzo, puoi vedere un film al Festival internazionale del cortometraggio di Dawson City.

Le giornate sono particolarmente brevi a Dawson, a sole 165 miglia a sud del circolo polare artico, ma ci sono molte attività all’aria aperta, come le ciaspolate Cupola di mezzanotteun punto panoramico che domina il fiume Yukon e la valle del Klondike (e spesso l’unico posto dove prendere qualche raggio di sole diretto).

Nella sua casa appena fuori Whitehorse, Teena Dickson, 53 anni, ha risposto al telefono per un’intervista dal suo “ufficio notturno” – la sua vasca idromassaggio. “Oh wow. Verrà presto a trovarci!” Ha detto la signora Dickson, riferendosi alle tende verdi di luce che ondeggiano sopra. Molte culture indigene hanno un legame speciale con l’aurora boreale. La signora Dickson, chi lo è Chipewyanli descrisse come antenati di ritorno: “È il nostro mondo spirituale che viene a trovarci”.

La signora Dickson possiede e gestisce Tour Chi Cosa Doveun’azienda che non solo offre tour dell’aurora boreale, ma porta anche i visitatori al Riserva naturale dello Yukon, dove possono prendere un autobus, camminare o andare in slitta (un piccolo dispositivo semovente) lungo un percorso di tre miglia per vedere animali del nord come il bue muschiato, il bisonte, il caribù, l’alce, la lince e la volpe artica in un paesaggio naturale. “Nello Yukon, puoi sentire la quiete”, ha detto.

I visitatori che desiderano conoscere la popolazione indigena della zona possono fare un tour Il luogo dei popoli di molto tempo fa, un campo delle Prime Nazioni, dove possono conoscere la storia e la cultura del Tutchone meridionale. “In inverno, la gente vuole sapere come siamo sopravvissuti”, ha detto il membro delle Prime Nazioni dello Yukon e direttore del campo MetaWilliams. Immagina come sarebbe stato essere a meno 69 Fahrenheit, ha detto, “vivere in un rifugio di cespugli, pieno di neve e spruzzato d’acqua” (un modo per aggiungere uno strato di isolamento dal vento e dal freddo).

Il turismo indigeno si è espanso rapidamente in Canada, superando il tasso di crescita complessivo del turismo nel paese. Collabora con l’Associazione per la cultura e il turismo delle Prime Nazioni dello Yukon Da 15 a 20 tour operator indigeni in tutto il territorio che offrono, tra le altre attività, slitte trainate da cani, escursioni in motoslitta, pesca sul ghiaccio e produzione tradizionale di tamburi. Molte società di sviluppo economico delle Prime Nazioni hanno investito in attività legate al turismo come compagnie aeree e hotel.

La signora Williams spera che i visitatori lascino Long Ago Peoples Place con una nuova comprensione del passato. “La nostra storia non è tutta scritta nei libri”, ha detto. “Quando abbiamo iniziato nel 1995, non avevo idea che un giorno avremmo potuto davvero raccontare la nostra storia senza che nessuno la raccontasse per noi”.

Ha i primi ricordi dei suoi nonni, che vivevano nella boscaglia tutto l’anno, facendo viaggi speciali a Whitehorse per Rendezvous. “Sarebbero vestiti con i loro migliori abiti conciati con perline e pelle d’alce”, ha detto.

Alla vigilia dell’anniversario del festival, gli organizzatori di Rendezvous hanno riflettuto su come è cambiato negli ultimi sessant’anni, dall’adattamento alle temperature più calde (una volta dovevano comprare la neve dalla collina sciistica locale per l’evento di sculture di neve) alla promozione della diversità e dell’inclusività. in eventi come il Convocazione della Coppache è stato pubblicizzato come una ricerca del “primo maschio di Yukon” ma è aperto a persone di tutte le identità di genere.

“Rendezvous è cambiato e si è evoluto” pur cercando di mantenere il lato tradizionale, ha detto la presidente del festival, Tamara Fischer, che ha detto di voler anche aumentare la consapevolezza della partecipazione delle popolazioni indigene al festival. “Sono una donna indigena e l’anno scorso per il programma ho indossato alcune delle mie insegne”, ha detto. “Volevo che la gente sapesse che sono coinvolti gli indigeni”.

Fondamentalmente, il festival rimane un antidoto collaudato contro la febbre da cabina. Gli abitanti dello Yukon sanno da tempo che le sciocche buffonate sono un balsamo per la depressione invernale tanto quanto una notte tranquilla a guardare le meraviglie del cielo.

Basta chiedere al signor Umbrich di Eclipse Nordic Hot Springs, che ospita l’annuale concorso di congelamento dei capelli. Benessere e salute sono gli obiettivi primari della sua struttura. Così, anche quando fa molto freddo, gli ospiti possono stare tranquilli: “Nessuno si è mai rotto i capelli”.

Dove alloggiare a Whitehorse:

Il nuovo Locanda e suite del corvonel centro di Whitehorse, offre suite e appartamenti moderni (da 238 dollari a notte).

Resort e spa dell’aurora boreale tre chalet in vetro permettono di godersi l’aurora boreale comodamente dal proprio letto. I pacchetti di tre notti partono da $ 1.690 a persona.

Abete nero ha tutto il necessario per un accogliente rifugio nella foresta: una cucina completa, caffè tostato localmente, sauna e giochi da tavolo (229 dollari a notte).

Dove alloggiare a Dawson City:

Bombay Peggy’suna locanda della corsa all’oro restaurata con cura – ed ex bordello – dispone di nove camere colorate, con decorazioni vittoriane e vasche da bagno con piedini (da 189 a 289 dollari a notte).

Il centro città unisce comfort moderni e tradizione al Sourdough Saloon, sede del Sourtoe Cocktail (da 127 dollari a notte).

Segui il New York Times Viaggi Noi Instagram E iscriviti alla nostra newsletter settimanale Travel Dispatch per ottenere consigli dagli esperti su come viaggiare in modo più intelligente e ispirazione per la tua prossima vacanza. Sogni una futura vacanza o semplicemente un viaggio in poltrona? Dai un’occhiata al nostro 52 posti dove andare nel 2024.